Un gatto picchiato dal suo maestro, il video shock di PETA per denunciare i circhi

L'organizzazione per la difesa degli animali combatte l'uso animali nello spettacolo e ha scelto di sensibilizzare attraverso un video che mostra un maestro maltratta il suo gatto mentre cerca di insegnargli dei trucchi.

Una tigre è animale selvatico e non nazionale. Eppure possiamo vedere più o meno docili nei circhi. A quale prezzo si è svolta la loro formazione contro la natura? Quante urla e colpi hanno provato prima di diventare ubbidienti ed esibirsi quando gli è stato chiesto di camminare sulle zampe posteriori o di saltare in un cerchio? Gli spettatori che si godono questo spettacolo possono dimenticare questo dettaglio. Sarebbero più sensibili a questo abuso se fosse un animale abituato a vivere nella loro casa, un gatto, che conosceva la stessa sorte?

Una scena violenta

Questo è ciò che cercava di conoscere PETA che trasmette il video di un gatto abusato mentre sta imparando un passaggio. Uno può vedere il gatto grigio, chiamato Rufus, su uno sgabello mentre il suo padrone gli ordina di sedersi. Non obbedisce subito, ma quando il suo umano alza la sua voce, finisce per correre, le orecchie in basso e persino salire sulle zampe posteriori. "Saute" quindi comanda l'uomo, più forte e più forte, senza il felino che obbedisce.

Eccitato, il proprietario finisce posando la sua macchina fotografica e sta accanto all'animale. Indica il secondo sgabello e minacciosamente, ripete il suo ordine. Il gatto è ovviamente spaventato ma non si muove comunque. Le cose poi diventano violente. Rufus prende un colpo, poi un secondo ma non fugge e finisce per fare in modo che la famosa piroetta si aspetti saltando sul sedile. Terrorizzato, rimane solo per un secondo prima di scappare quando il suo padrone si allontana per riprendersi la macchina fotografica.

La scena è insostenibile e il parallelo con il trattamento degli animali da circo è facile da fare. Fortunatamente, nessun gatto è rimasto ferito durante le riprese. In realtà, Rufus non è nient'altro che un'immagine sintetica , non è reale. Esistono pratiche usate nei circhi di tutto il mondo per domare leoni e tigri. Ecco perché PETA ci invita a non condonarli con boicottando circhi usando animali.

Da leggere anche: Legislativo: The Animal Party, la festa che vuole rimettere la causa animale nel cuore di dibattito politico